Il Marketing dell’olio d’oliva: dal marchio alla grafica

Ogni marchio di olio d’oliva di successo si distingue per le sue qualità estetiche, dalla confezione alle etichette delle bottiglie, dalla comunicazione alla presenza online. Il marchio dovrebbe nascere da un’idea o un obiettivo che si declini negli aspetti grafici, incluso un packaging di valore estetico e dal design accattivante.

La confezione è la prima cosa che i clienti vedono sullo scaffale e non è un segreto che la prima impressione sia tutto. Non c’è dubbio che la percezione di “alta qualità” inizi dal packaging, forse nell’olio più che nel vino. Ecco dove il vetro batte la plastica e, spesso, anche la ceramica, la terracotta e l’alluminio. Una bottiglia di vetro resistente è una parte importante della strategia di marketing. Per commercializzare l’olio d’oliva come di prim’ordine, una bottiglia di vetro darà sempre la giusta impressione.

Alla maggior parte dei clienti piace vedere il colore dei prodotti che acquistano (pensiamo al trend di successo dei vini rosati!), quindi si consigliano bottiglie trasparenti. Tuttavia, anche le bottiglie di vetro colorate possono funzionare alla grande. I verdi e i grigi danno un aspetto tradizionale, mentre i colori più luminosi o opachi possono sembrare più moderni. La cosa più importante è che l’estetica visiva della bottiglia corrisponda all’estetica del marchio.

Per molti oli d’oliva, la storia del marchio è scritta sull’etichetta. Con le moderne tendenze del packaging che preferiscono poche parole sull’etichetta, l’olio d’oliva è una rara eccezione. Ovviamente, non esiste un design ottimale. In breve, l’etichetta dovrebbe corrispondere alla bottiglia per dare un design semplice che corrisponda al messaggio del marchio. Non tutti possono permettersi la “classicità”, non tutti l’estrema modernità di forme, colori e materiali.

L’etichetta di un prodotto è il primo indicatore di qualità per un cliente. Il design accattivante del packaging e dell’etichetta può fa vendere il prodotto, anche prima che abbia la possibilità di tenerlo in mano. Non scordiamoci che, come consumatori, interagiamo con le etichette ogni singolo giorno. Che siano sui nostri scaffali da mesi o appena usciti dalla borsa della spesa, i prodotti che ci piacciono spesso hanno un’etichetta ben progettata verso cui gravitiamo.

Prima di impegnarsi con il design, è importante comprendere davvero l’identità del marchio.

I clienti di oggi si identificano sempre più con i loro marchi preferiti. Vogliono connettersi con il marchio dietro i prodotti che amano e non hanno paura di condividere questa connessione con il mondo, sfruttando sempre più i canali social. In un mondo digitale in cui i consumatori interagiscono tra loro, il marchio deve connettersi intimamente con i tuoi clienti. Per fare ciò, dovremmo considerare due aspetti importanti del marchio:

  1. La storia dietro il marchio. Ogni azienda ha una storia. Alcune aziende hanno iniziato a produrre olio decenni fa come aziende familiari locali, diventando poi marchi di rilevanza nazionale o internazionale. Alcune sono startup guidate dalla passione di un fondatore che sono rimaste di nicchia. In entrambi i casi e nel mezzo, tutti i prodotti sono ispirati da storie. La condivisione di questo messaggio può creare un percorso unico del cliente e stabilire relazioni più solide. Questo si traduce non solo nei messaggi e nella comunicazione, ma anche negli elementi di design.
  2. Le qualità del marchio. Comprendere la personalità del marchio e i valori unici sono fondamentali per stabilire la distinzione. Per alcuni marchi e prodotti, questo significa essere chiassosi e vibranti di eccitazione. Per altri, gli aspetti salutistici e nutrizionali potrebbero essere un approccio utile. Qualunque sia il tono, è importante mantenerlo coerente in tutte le fasi primarie delle esperienze ideali del cliente: dalla prima impressione del marchio alla sua valutazione, dalla decisione di acquisto al suo utilizzo e alla sua fidelizzazione nel tempo.

Una volta chiaramente delineate le qualità del tuo marchio, si potrà procedere a progettare (o riprogettare) un’etichetta per comunicare con i consumatori attuali e potenziali. Questo design dovrebbe catturare l’attenzione dei clienti durante la fase di consapevolezza e convincerli ad acquistare durante la considerazione. Le aziende di successo lo fanno con le seguenti tattiche:

  • Raccontando la storia attraverso le immagini. Una volta che la storia è chiara, bisogna riuscire a raccontarla usando lo spazio limitato di un’etichetta. Questo non significa usare solo parole. Al contrario, le etichette di maggior successo mantengono un testo breve, anche se è il punto focale. Se non sono fisicamente nel punto vendita aziendale, i clienti dedicano solo pochi secondi per analizzare il prodotto sullo scaffale. Quindi, è importante rendere facile questa loro scelta. Includere i colori giusti sul logo e sull’etichetta può aggiungere un ulteriore livello di appeal ai clienti senza dover aggiungere un testo descrittivo più ampio.
  • Fornendo un modo per connettersi. Alcune informazioni facilmente trascurate da includere sull’etichetta sono quelle di contatto. Fornire ai clienti un mezzo per connettersi, sia offline che online, offre loro la possibilità di esplorare e contattare direttamente. Ciò include le informazioni sui social media, in cui il coinvolgimento del cliente è un indicatore vitale del successo. Si può persino incoraggiare i clienti a condividere la loro esperienza sui canali social, utilizzando un hashtag o taggando l’account del marchio, amplificando ulteriormente la voce del marchio stesso.
  • Includendo informazioni nutrizionali. Con le nuove tendenze sulla salute che spuntano ogni giorno, sempre più persone vogliono sapere cosa c’è nei prodotti che acquistano. Per questo e per vari motivi legali, è importante avere informazioni nutrizionali/normative accurate sulle etichette. A parte i requisiti legali di inclusione di dati nutrizionali, è possibile mettere in evidenza gli ingredienti che si allineano con le qualità del marchio. Ad esempio, scrivendo che il packaging è in tutto o in parte realizzato con materiali riciclati o che la produzione è biologica.

Ogni marchio di olio d’oliva di successo si distingue per le sue qualità estetiche, dalla confezione alle etichette delle bottiglie, dalla comunicazione alla presenza online. Il marchio dovrebbe nascere da un’idea o un obiettivo che si declini negli aspetti grafici, incluso un packaging di valore estetico e dal design accattivante.

La confezione è la prima cosa che i clienti vedono sullo scaffale e non è un segreto che la prima impressione sia tutto. Non c’è dubbio che la percezione di “alta qualità” inizi dal packaging, forse nell’olio più che nel vino. Ecco dove il vetro batte la plastica e, spesso, anche la ceramica, la terracotta e l’alluminio. Una bottiglia di vetro resistente è una parte importante della strategia di marketing. Per commercializzare l’olio d’oliva come di prim’ordine, una bottiglia di vetro darà sempre la giusta impressione.

Alla maggior parte dei clienti piace vedere il colore dei prodotti che acquistano (pensiamo al trend di successo dei vini rosati!), quindi si consigliano bottiglie trasparenti. Tuttavia, anche le bottiglie di vetro colorate possono funzionare alla grande. I verdi e i grigi danno un aspetto tradizionale, mentre i colori più luminosi o opachi possono sembrare più moderni. La cosa più importante è che l’estetica visiva della bottiglia corrisponda all’estetica del marchio.

Per molti oli d’oliva, la storia del marchio è scritta sull’etichetta. Con le moderne tendenze del packaging che preferiscono poche parole sull’etichetta, l’olio d’oliva è una rara eccezione. Ovviamente, non esiste un design ottimale. In breve, l’etichetta dovrebbe corrispondere alla bottiglia per dare un design semplice che corrisponda al messaggio del marchio. Non tutti possono permettersi la “classicità”, non tutti l’estrema modernità di forme, colori e materiali.

L’etichetta di un prodotto è il primo indicatore di qualità per un cliente. Il design accattivante del packaging e dell’etichetta può fa vendere il prodotto, anche prima che abbia la possibilità di tenerlo in mano. Non scordiamoci che, come consumatori, interagiamo con le etichette ogni singolo giorno. Che siano sui nostri scaffali da mesi o appena usciti dalla borsa della spesa, i prodotti che ci piacciono spesso hanno un’etichetta ben progettata verso cui gravitiamo.

Prima di impegnarsi con il design, è importante comprendere davvero l’identità del marchio.

I clienti di oggi si identificano sempre più con i loro marchi preferiti. Vogliono connettersi con il marchio dietro i prodotti che amano e non hanno paura di condividere questa connessione con il mondo, sfruttando sempre più i canali social. In un mondo digitale in cui i consumatori interagiscono tra loro, il marchio deve connettersi intimamente con i tuoi clienti. Per fare ciò, dovremmo considerare due aspetti importanti del marchio:

  1. La storia dietro il marchio. Ogni azienda ha una storia. Alcune aziende hanno iniziato a produrre olio decenni fa come aziende familiari locali, diventando poi marchi di rilevanza nazionale o internazionale. Alcune sono startup guidate dalla passione di un fondatore che sono rimaste di nicchia. In entrambi i casi e nel mezzo, tutti i prodotti sono ispirati da storie. La condivisione di questo messaggio può creare un percorso unico del cliente e stabilire relazioni più solide. Questo si traduce non solo nei messaggi e nella comunicazione, ma anche negli elementi di design.
  2. Le qualità del marchio. Comprendere la personalità del marchio e i valori unici sono fondamentali per stabilire la distinzione. Per alcuni marchi e prodotti, questo significa essere chiassosi e vibranti di eccitazione. Per altri, gli aspetti salutistici e nutrizionali potrebbero essere un approccio utile. Qualunque sia il tono, è importante mantenerlo coerente in tutte le fasi primarie delle esperienze ideali del cliente: dalla prima impressione del marchio alla sua valutazione, dalla decisione di acquisto al suo utilizzo e alla sua fidelizzazione nel tempo.

Una volta chiaramente delineate le qualità del tuo marchio, si potrà procedere a progettare (o riprogettare) un’etichetta per comunicare con i consumatori attuali e potenziali. Questo design dovrebbe catturare l’attenzione dei clienti durante la fase di consapevolezza e convincerli ad acquistare durante la considerazione. Le aziende di successo lo fanno con le seguenti tattiche:

  • Raccontando la storia attraverso le immagini. Una volta che la storia è chiara, bisogna riuscire a raccontarla usando lo spazio limitato di un’etichetta. Questo non significa usare solo parole. Al contrario, le etichette di maggior successo mantengono un testo breve, anche se è il punto focale. Se non sono fisicamente nel punto vendita aziendale, i clienti dedicano solo pochi secondi per analizzare il prodotto sullo scaffale. Quindi, è importante rendere facile questa loro scelta. Includere i colori giusti sul logo e sull’etichetta può aggiungere un ulteriore livello di appeal ai clienti senza dover aggiungere un testo descrittivo più ampio.
  • Fornendo un modo per connettersi. Alcune informazioni facilmente trascurate da includere sull’etichetta sono quelle di contatto. Fornire ai clienti un mezzo per connettersi, sia offline che online, offre loro la possibilità di esplorare e contattare direttamente. Ciò include le informazioni sui social media, in cui il coinvolgimento del cliente è un indicatore vitale del successo. Si può persino incoraggiare i clienti a condividere la loro esperienza sui canali social, utilizzando un hashtag o taggando l’account del marchio, amplificando ulteriormente la voce del marchio stesso.
  • Includendo informazioni nutrizionali. Con le nuove tendenze sulla salute che spuntano ogni giorno, sempre più persone vogliono sapere cosa c’è nei prodotti che acquistano. Per questo e per vari motivi legali, è importante avere informazioni nutrizionali/normative accurate sulle etichette. A parte i requisiti legali di inclusione di dati nutrizionali, è possibile mettere in evidenza gli ingredienti che si allineano con le qualità del marchio. Ad esempio, scrivendo che il packaging è in tutto o in parte realizzato con materiali riciclati o che la produzione è biologica.

Post Correlati