Ascoltiamo, prima di comunicare

Uno dei maggiori errori compiuti nei canali digitali è non comunicare con i clienti e i contatti nel modo giusto.

Le aziende comunicano ciò che esse desiderano che il loro pubblico sia maggiormente interessato invece delle informazioni che le persone probabilmente stanno cercando.

In troppi casi, quando un cliente visita il sito web di un’azienda vinicola (ma vale anche per un ristorante!), ciò che può trovare più facilmente (e senza sforzo) sono la storia della cantina, i vigneti o i dettagli tecnici sulle varie etichette.

Ma, secondo varie ricerche, i motivi per cui la maggior parte dei consumatori visita il sito web di un’azienda vinicola sono:
a) le informazioni di contatto, gli orari di apertura o le opzioni per visite e degustazioni
b) per acquistare i vini

Nonostante ciò, molte aziende vinicole persistono nel concentrare il loro tempo e la loro attenzione su quelle che credono essere le priorità più importanti o potenzialmente redditizie, invece di concentrarsi su come dare al maggior numero di potenziali clienti ciò che vogliono e come lo vogliono. Così tanto marketing digitale scompare nel vuoto perché le persone non ascoltano o non sono interessate a ciò che viene detto.

Il processo di monitoraggio dei canali dei social media per conoscere quante volte e in quale contesto il proprio marchio, quello dei concorrenti e dei prodotti viene definito social listening.
Esso offre l’opportunità di monitorare, analizzare e rispondere alle conversazioni su di noi sui social media.
Esistono diversi tool per farlo, anche perché non è semplice riuscire a partecipare attivamente a tutte le conversazioni che riguardano la nostra azienda o il suo ambiente competitivo.

Tuttavia, esistono almeno due modi per ascoltare attivamente i nostri clienti, uno online e uno nel mondo analogico. Nel primo caso, sfruttando le potenzialità dei propri profili social, facendo domande, rispondendo alle conversazioni che si creano, dimostrando attenzione e interesse almeno nei canali che gestiamo direttamente.
Nel secondo caso, sfruttando il nostro punto vendita. Immaginate che, mentre state dietro il bancone della sala degustazione, sentite due clienti che parlano della vostra selezione di vini.
“Adoro i vini bianchi di questa cantina”, dice uno. “Soprattutto quelli di annata.”
“Sì, i bianchi sono fantastici”, risponde l’altro. “Ma non amo quelli in legno, troppo potenti, faccio fatica a berne più di un bicchiere.”

Iniziate quindi a chiedervi se tutti i vostri clienti la pensano così per i vini bianchi affinati in legno. Quindi chiedete in giro, ad esempio a qualche ristoratore o sommelier che conoscete. Sentite le opinioni di altri clienti della vostra sala degustazione. Ascoltate e, in base a ciò che sentite, iniziate ad apportare modifiche nella vinificazione che piacciono alle persone.

E magari funziona. I clienti stanno facendo la fila alla porta della cantina per assaggiare i vostri nuovi vini bianchi in cui la presenza del legno è meno evidente. Questo perché avete appena adottato un metodo collaudato per consentire ai marchi di interagire con i loro clienti e dare loro ciò che amano: l’ascolto sociale.

Se non state utilizzando l’ascolto sociale, state lasciando molte importanti informazioni sul tavolo.

Uno dei maggiori errori compiuti nei canali digitali è non comunicare con i clienti e i contatti nel modo giusto.

Le aziende comunicano ciò che esse desiderano che il loro pubblico sia maggiormente interessato invece delle informazioni che le persone probabilmente stanno cercando.

In troppi casi, quando un cliente visita il sito web di un’azienda vinicola (ma vale anche per un ristorante!), ciò che può trovare più facilmente (e senza sforzo) sono la storia della cantina, i vigneti o i dettagli tecnici sulle varie etichette.

Ma, secondo varie ricerche, i motivi per cui la maggior parte dei consumatori visita il sito web di un’azienda vinicola sono:
a) le informazioni di contatto, gli orari di apertura o le opzioni per visite e degustazioni
b) per acquistare i vini

Nonostante ciò, molte aziende vinicole persistono nel concentrare il loro tempo e la loro attenzione su quelle che credono essere le priorità più importanti o potenzialmente redditizie, invece di concentrarsi su come dare al maggior numero di potenziali clienti ciò che vogliono e come lo vogliono. Così tanto marketing digitale scompare nel vuoto perché le persone non ascoltano o non sono interessate a ciò che viene detto.

Il processo di monitoraggio dei canali dei social media per conoscere quante volte e in quale contesto il proprio marchio, quello dei concorrenti e dei prodotti viene definito social listening.
Esso offre l’opportunità di monitorare, analizzare e rispondere alle conversazioni su di noi sui social media.
Esistono diversi tool per farlo, anche perché non è semplice riuscire a partecipare attivamente a tutte le conversazioni che riguardano la nostra azienda o il suo ambiente competitivo.

Tuttavia, esistono almeno due modi per ascoltare attivamente i nostri clienti, uno online e uno nel mondo analogico. Nel primo caso, sfruttando le potenzialità dei propri profili social, facendo domande, rispondendo alle conversazioni che si creano, dimostrando attenzione e interesse almeno nei canali che gestiamo direttamente.
Nel secondo caso, sfruttando il nostro punto vendita. Immaginate che, mentre state dietro il bancone della sala degustazione, sentite due clienti che parlano della vostra selezione di vini.
“Adoro i vini bianchi di questa cantina”, dice uno. “Soprattutto quelli di annata.”
“Sì, i bianchi sono fantastici”, risponde l’altro. “Ma non amo quelli in legno, troppo potenti, faccio fatica a berne più di un bicchiere.”

Iniziate quindi a chiedervi se tutti i vostri clienti la pensano così per i vini bianchi affinati in legno. Quindi chiedete in giro, ad esempio a qualche ristoratore o sommelier che conoscete. Sentite le opinioni di altri clienti della vostra sala degustazione. Ascoltate e, in base a ciò che sentite, iniziate ad apportare modifiche nella vinificazione che piacciono alle persone.

E magari funziona. I clienti stanno facendo la fila alla porta della cantina per assaggiare i vostri nuovi vini bianchi in cui la presenza del legno è meno evidente. Questo perché avete appena adottato un metodo collaudato per consentire ai marchi di interagire con i loro clienti e dare loro ciò che amano: l’ascolto sociale.

Se non state utilizzando l’ascolto sociale, state lasciando molte importanti informazioni sul tavolo.

Post Correlati